lunedì 24 aprile 2017

24 aprile 2017 - Altri angeli

La mia biblioteca è frequentata da gente mediamente maleducata.
E intendo "mediamente" in senso letterale: il microcosmo dei nostri
utenti è rappresentativo del resto della società.
Detto questo, so di lavorare per un pubblico elitario e privilegiato -
psicotici e barboni inclusi. Peggio sarebbe fare la cassiera in un
ipermercato.
In un ipermercato sì che entrano cani e porci. Perché la pasta la
mangiano tutti quanti - quindi, tutti la comprano.
I libri - anche se ormai in biblioteca non si cercano più solo quelli
- vanno pur sempre a finire nelle mani di una minoranza della
popolazione, e probabilmente non la peggiore.

Ma, come dicevo, la gente è mediamente maleducata, e nei luoghi
pubblici fa cose brutte.
Verso certi comportamenti io sono tollerante.
Ad esempio: se qualcuno si addormenta in poltrona, nel salone, a me
non sembra grave. Si dorme quando si è stanchi. Essere stanchi è
inevitabile. Assopirsi può essere incontrollabile. Chi non russa
rumorosamente, non si scompiscia scompostamente, non perde orribili
bave dalla bocca e non urla, in preda a incubi orripilanti, in fondo
non dà fastidio a nessuno.

Se vedo uno che fuma una sigaretta elettronica in corridoio, sono
presa da perplessità istituzionale, e non dico nulla.

Invece, a chi lascia i bagni in stato indecente brucerei il culo con
la fiamma ossidrica. Ma è difficile coglierli sul fatto.

E se sento qualcuno che fischia, vado a dirgli: "Non si fischia in biblioteca!".
Fischiare in luogo pubblico, per me, è proprio un gesto da cafoni.

E poi, nella mia vita, c'è stato solo un fischiatore.
Gli altri tacciano.

Il Solo Vero Fischiatore era l'uomo della nettezza urbana che svuotava
i locali pattumiera del mio cortile, quando ero piccola.
Era un uomo nero e riccioluto, con la barba sempre in crescita, la
pancia grossa e i lineamenti molto marcati.
Però, quando mi incrociava mi sorrideva e mi salutava. Mi chiedeva "Come stai?"
Per me, che potevo sempre contare sulla malevolenza della gente,
un'oasi di benessere.

E poi, come dicevo, aveva un clarinetto al posto delle labbra.
Avrebbe potuto fare il concorso alla Scala - e vincerlo.
Quando ero in camera mia e lo sentivo fischiare, giù in cortile, c'era
sempre il sole.


FINE PRIMA PUNTATA

Vi piace questa novità?
Sì?
No?

Potete anche rispondere, se volete...


Buona settimana!


Silvana

lunedì 17 aprile 2017

17 aprile 2017 - Lunedì dell'Angelo




Forse una mosca che si gode beata la luce del sole crede di essere un angelo.

O forse pensa di essere una mosca bellissima.

O forse si dice "Come sto bene!", senza chiedersi chi è.


E questa è la mosca più felice di tutte.




Buon Lunedì dell'Angelo!


E buona settimana.


Silvana




https://www.youtube.com/watch?v=YXuHR7As_jo

lunedì 10 aprile 2017

10 aprile 2017 - Mi manca la citazione

Di tante caratteristiche che la gente può avere, è difficile dire se siano un difetto o un pregio.

Lo scriveva Kurt Vonnegut nei suoi romanzi di fantascienza.
Su un pianeta sei un criminale, su di un altro sei un benefattore dell'umanità.

Inline image 1
Kurt Vonnegut

Ma non ricordo di preciso il romanzo in cui l'ha scritto.
Mi manca la citazione.
Ho poca memoria.
E questo decisamente è un difetto.

Poi, ho una grande difficoltà di concentrazione.
Soprattutto quando dovrei occuparmi di qualcosa che non mi interessa.
Non mi interessa? Sbram!
Tiro giù la serranda del mio cervello e non ci sono più per nessuno.
Uno svantaggio per chi ha a che fare con me. Quindi, un difetto.
Un pregio per me stessa: non perdo tempo e non mi annoio.

La serranda precipita inesorabilmente quando non riesco a trovare un senso in quello che ascolto.
Cose già sapute. Cose ovvie. Cose prive di punti di vista. 
Parole che non si riferiscono a niente.

Quanto sarebbe meglio un bel silenzio.

Un bel silenzio.

Inline image 2

Avevo un'amica, una volta, con cui mi trovavo molto bene anche quando non si parlava.
Soprattutto se andavamo da qualche parte insieme in auto: lei guidava, io pensavo ai fatti miei.
Non parlavamo.
Forse, sono stati tra i  momenti più belli della mia vita.

Stavamo così bene.

Sono sicura che anche voi starete bene con me, se quando non ho niente da dire taccio.

Facciamo finta che stiamo andando in auto da qualche parte, insieme.


Buona settimana!


Silvana



lunedì 3 aprile 2017

3 aprile 2017 - Polverosi deserti battuti da venti siderali

Titina è figlia mia, e in quanto figlia mi assomiglia.


Non solo perché mangerebbe dal mattino alla sera, e anche di notte.

Titina è molto disordinata.

Io cerco di arginare l'azione congiunta della sua e della mia tendenza a segnare il territorio ovunque sia possibile, 

Inline image 1
Scatola dei giochi

ma è tutto inutile.
La mia casa - forse come tutte le altre - è piena di angoli oscuri in cui i giochi della Titi possono scomparire.
Sotto le cassapanche,

Inline image 2

sotto il divano, sotto il letto...

Inline image 3
Lo vedete anche voi il Topolo?

Spazi come deserti polverosi, battuti dai venti siderali, in cui palle, pupazzetti, piume e gusci di noce spariscono, manco fossero inghiottiti da buchi neri.


Il pon-pon preferito di Titina, ad esempio. La palletta rossa, quella che rimbalzava da sola
Dove sarà scomparsa?

La ritroveranno quando, un domani, per la ragione che sarà, la mia casa verrà sbaraccata.
Magari, accanto all'orecchino d'oro cui ancora oggi ogni tanto penso con nostalgia (ma quello devo averlo smarrito nel cortile di casa, e qualche vicino lo avrà subito venduto al ricettatore locale).

Io, ad esempio, dopo essermi trasferita dove vivo ora, sono andata avanti per anni a ritrovare sferette di metallo disseminate dagli abitanti di prima.
Che cosa si sarà mai spezzato, in quella casa?

L'altro giorno, però, in fondo ad un contenitore dell'Ikea ho ritrovato casualmente qualcosa di mio.
Una busta piena di ritagli di giornale, pizzini scopiazzati, lettere cartacee e appunti, raccolti nel corso di tanti anni.

Erano tutte ricette di cucina.

I ricordi delle persone rimangono fortissimamente attaccati alle loro ricette.
Non volete venire dimenticati? 
Diffondete i vostri piatti migliori.

Io, ad esempio, ho provato molta tenerezza a rileggere la ricetta dello spezzatino che mi aveva lasciato la mia "suocera" di Viareggio.
Non mi aveva regalato neanche la carta di una caramella, quando ci frequentavamo, ma so che a suo modo mi voleva bene.

Ho provato molta nostalgia anche a ritrovare la pagina di ricette di dolci che avevo strappato in una sala d'attesa, da una rivista del mio vecchio dottore.

Mi è dispiaciuto dover cambiare medico, quando lui è andato in pensione.
Non l'avrei mai creduto.
Forse non era un luminare, ma quando c'era lui, sapevo che in caso di necessità andavo, mi sedevo, aspettavo, e nel giro di un paio d'ore al massimo potevo contare su un parere, un certificato, un'impegnativa.

Adesso che lui è andato in pensione, per vedere il mio nuovo giovane medico devo telefonare a un centralino, prendere appuntamento, e aspettare due settimane prima di essere visitata.

Se il desiderio del nuovo dottore è quello di tenere i suoi pazienti a distanza, sta riuscendo perfettamente.
Peccato che io, però, non mi senta per niente tutelata.

Per tornare a quelle ricette rubate: le torte che ho già sperimentato - la ciambella e il cheese-cake senza cottura - erano ottime.
Tempo fa ho voluto provare anche la torta di mele, ma la busta coi ritagli era sparita.

Ora è ritornata.
Eccola qua!

Inline image 4


Se la provate prima di me, fatemi sapere se è buona.
E mentre la mangiate, ricordatevi del Dottor Adriano S.

Ricordatevi di me.


Buona settimana!

lunedì 27 marzo 2017

27 marzo 2017 - Cineforum

E tornando a parlare della mia biblioteca, dirò che teoricamente nel suo seno apparterrei a un gruppo di Persone - quelle che si occupano di Manifestazioni Culturali - le quali in effetti, a me, a proposito degli eventi non passano informazioni, e nemmeno mi consultano mai. 
Per la verità, quasi non mi parlano del tutto.

Per esperienza, purtroppo, so che questo atteggiamento ha un termine tecnico ben preciso.

Ma non è a queste problematiche che voglio dedicarmi, adesso.
Il fatto è che in futuro, nella mia Biblioteca, verrà organizzato un Cineforum, e già so che non ci metterò becco.
Però su come lo organizzerei ho fatto un paio di pensierini, e qui li espongo.

La tematica che sceglierei è: l'Amore.
Non perché sia particolarmente romantica ma, come dicono la mia amica Nicoletta e Robert McLiam Wilson,

(qui andrebbe l'immagine del suo romanzo Eureka Street, ma non riesco
a fare copia-incolla)

se è vero che ogni storia è una storia d'amore, allora ogni storia d'amore può diventare il pretesto per raccontare anche qualcos'altro.
E dunque:

Film n. 1:

"Dheepan: una nuova vita", di Jacques Audiard


Capita spesso, in biblioteca, che quando gli immigrati restituiscono dei DVD, ad aprire le custodie si sprigionino odori di cibo: cipolla e curry, soprattutto, ma anche pizza.
Per questo, mi viene da pensare che gli immigrati siano persone più legate agli aspetti basilari della vita.
Questo ci mostra anche il film: i due protagonisti cingalesi fingono di essere marito e moglie per sfuggire alla guerra e alla morte in Sri Lanka, e tra mille avventure e ulteriori violenze si rifanno una vita prima in Francia, poi in Inghilterra.
Col tempo, finiscono per innamorarsi davvero - come si raccontava anche in occidente secoli fa, ai ragazzi cui i genitori imponevano un matrimonio di convenienza.
E noi, che ora sappiamo la loro storia, li troviamo meno stranieri.

Film n. 2:

"La sposa promessa", di Rama Burshtein


E' un film bellissimo e lento, pieno di silenzi e sottintesi.
Tanto sottintesi che, probabilmente, ciascuno può interpretarlo come vuole.
All'uscita dal cinema, quando sono andata a vederlo, sentivo due signore che si raccontavano: "Eh, lei poverina proprio non voleva sposarlo, il cognato... Era già fidanzata a quello coi capelli rossi!"
Invece, io avevo letto i silenzi come sensi di colpa perché lei il cognato voleva proprio sposarlo, ma sin dall'inizio. E alla fine c'è riuscita.
Avevamo visto proprio due film diversi, io e quelle signore...
Se voi ne vedete un terzo o un quarto ancora, raccontatemelo.

Film n. 3:

"Pretty Woman", di Garry Marshall


Questo secondo me è un film sull'umiliazione e sul riscatto, sull'identità, su chi sei davvero e su come gli altri vorrebbero che tu fossi.
Uno stupido finale sdolcinato lo fa sembrare un film d'amore.
Ma non lo è.

Film n. 4:

"Secretary", di Steven Shainberg


che ci dimostra che ciascuno è libero di vivere l'amore come gli pare, finché non dà fastidio a chi non è consenziente, e che ciascuno è felice a modo suo.

Film n. 5

"La sposa turca", di Fatih Akin


perché è una bellissima storia d'amore, che vi farà sentire, anche se siete stati sfortunati nel campo, di non aver amato invano.
Per lo meno, siete in grado di capire un bel film!


Qui finisce il cineforum.

Dovrei avere rimpianti per il fatto che non verrà mai realizzato?

Vi dirò: ho proposto a un collega simpatico di lavorarci con me - se mai fossi riuscita a farmi assegnare il compito dal Responsabile.
E lui ha risposto: "Mah.. Non so... Se non c'è troppo da fare...
Sai: ho già i miei interessi da coltivare!"

Il collega mi ha aperto un mondo.

Che mi importa di fare il cineforum per la biblioteca, se poi non avrei più energie per andare a vedere i film al cine, o la sera, a casa mia, su DVD?
Ma lasciamolo organizzare a quelle Persone!

E poi, il cineforum l'ho già fatto qui, per voi.
Cosa voglio di più?


Buona settimana!


Silvana



lunedì 20 marzo 2017

20 marzo 2017 - Banale e forte

E se dovessi considerare un altro reportage fotografico che mi starebbe a cuore, penserei a quello che la primavera fa alle nostre città

Inline image 1

e a noi, che ci viviamo.

E pur sapendo che, come tanti altri incantesimi, appena cerco di formularli sbaglio, so altrettanto bene che tutto quello che ho sono le parole.
E allora dirò che la primavera è tanto più sorprendente

Inline image 2

quanto più è prigioniera.

Inline image 4

E che, pur prigioniera, la sua bellezza è bruciante

Inline image 5

delicata e tenera

Inline image 6,

evanescente,

Inline image 7

appassionata,

Inline image 8

elegante,

Inline image 9

sfacciata e sbarazzina,

Inline image 10

lussureggiante.

Inline image 11

Va cercata con impegno, forse,

Inline image 12

ma poi è accogliente,

Inline image 13

anche se è struggente, e ci straccia il cuore.

Inline image 14

Gli alberi, che di per sé son molto mascolini, quando fioriscono non perdono maestosità o autorevolezza.

Inline image 15

E' uno dei loro momenti di bellezza, come quando, tanti anni fa, i giovani mettevano il vestito buono per andare a ballare.

Inline image 16
August Sander: Giovani contadini

IN primavera, quando sbocciano i fiori, e in autunno, quando le foglie seccano, il tempo accelera. Gli eventi e i cambiamenti si concentrano.

Durano poco, primavera e fiori, e foglie gialle, perché i nostri cuori non reggerebbero a lungo tanta intensità.

Quindi, approfittiamo del momento, perché dura poco.

La primavera è effimera.
E questo, si sa, è un pensiero banale.

Ma a ripensare le banalità come se fossero nuove, se ne sente tutta la forza.


Buona settimana


Silvana

lunedì 13 marzo 2017

13 marzo 2017 - Lavorare stanca

Oggi sono stanca.

Dopo il lavoro, sono andata dal mio medico nuovo con gli esami del sangue per raccontargli che, giustappunto, sono sempre stanca.

Dunque, per coerenza faccio lavorare altra gente al posto mio.

Ad esempio, sentite che bravi questi due:


Lui è piuttosto inquietante, ha anche un po' di seno... Ma canta tanto bene!

E poi: guardate cosa capita a questo atleta, proprio nel momento in cui stava vincendo:


Visto?
E la cosa incredibile è che SI E' MESSO A RIDERE!!!
In Italia avremmo smadonnato come carrettieri - in Irlanda è diverso.
Che simpatici, gli Irlandesi. Hanno così tanto da insegnare...

Questo


lo dedico a Silvana.
Grazie per avermelo fatto conoscere.

Questo, invece, lo dedico a Cristina


Grazie per avermelo fatto ricordare.

Qualche domenica fa ho rivisto quest'operetta in televisione, mentre facevo i mestieri


e me la sono goduta proprio da spettatrice archetipica.
Forse perché l'avevo già vista da bambina, e mi aveva così divertito...
Gianrico Tedeschi qui è eccezionale.
A quei tempi mi sembrava mio nonno.
Adesso invece lo trovo un tipo interessante. Peccato che il tempo non si sia fermato neanche per lui.

San Valentino è passato, ma guardatevi questo:


Il mio Simon's Cat preferito, rappresentativo di un'idea dell'amore che in questo momento condivido pienamente.

E parlando di gatti e amore, non posso non farvi vedere questo:


chiedendomi: ma Titina a me vorrà davvero bene?

Inline image 1

Non mi fa le paste addosso, non mi dà testate. Non mi aspetta neanche più dietro la porta!
Mi vuole solo due sesti di bene.
Più che altro, le piace spaccare le mie cose.

Però stasera non mi faccio problemi.
Sono troppo stanca.

Anche perché pensavo di delegare ad altri la stesura di questa mail, ma alla fine l'ho scritta io lo stesso.

Non so delegare. 
Non sarò mai un bravo capo.

Pazienza


Buona settimana


Silvana

https://www.youtube.com/watch?v=vN-ARytZKgQ